I presupposti culturali della dis-parità di genere

0
523

 Le premesse storico culturali della disparità di genere

E’ “violenza contro le donne” ogni atto di violenza fondata sul genere che provochi un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà.

Così recita l’art. 1 della dichiarazione Onu sull’eliminazione della violenza contro le donne.

basta violenza di genere

La vera sfida della contemporaneità è il confronto onesto tra le diverse culture.

L’Italia, con notevole ritardo rispetto agli altri Paesi europei, sta facendo i conti con la parola diversità.

Nel nostro Paese è davvero applicata la parità di genere?  

Ovviamente no, a giudicare da quello che storicamente è stato il ruolo delle donne.

Ovviamente no, a giudicare anche dai recenti fatti di cronaca.

I numeri parlano, ahimè, chiaro.

Se un Paese necessita di una legge contro la violenza delle donne, vuol dire che di strada ce n’è molta da fare.

In Italia viene uccisa una donna ogni due giorni, una vera e propria strage.

A questi numeri sfuggono molte violenze non denunciate e non sfociate in omicidio, perchè sono migliaia le donne aggredite, picchiate, perseguitate, sfregiate. 

Le leggi per arginare un fenomeno così preoccupante sono doverose, ma il nostro Paese necessita di un cambiamento culturale.

Una legge non deve rimanere “solo” una legge, ma deve essere un perno fondamentale di una trasformazione profonda.

Siamo figli di una cultura profondamente maschilista, basti pensare che solo nel 1981 vengono abrogati in Italia il delitto d’onore e il matrimonio riparatore

Non ultimo, prima della L. n. 66/1996 i delitti sessuali trovavano collocazione nel titolo IX del codice penale intitolato “Dei delitti contro la moralità pubblica e contro il buon costume”.

A doversi considerare offesa di questi atroci delitti, in poche parole, non era la vittima del reato che li subiva, bensì la società “che si scandalizzava”.

Queste sono le sostanziali premesse storico – culturali della violenza contro le donne.

Per questo una legge urgente e improrogabile come quella contro la violenza sulle donne non deve essere lasciata da sola, ma accompagnata da un cambiamento culturale.

Alle nuove generazioni dobbiamo non solo insegnare che siamo tutti uguali, ma dobbiamo cominciare a farglielo vedere nella pratica quotidiana.