Minnesota, primo Santa Claus nero al centro commerciale

0
437

Il Mall of America di Minneapolis ospiterà per la prima volta un Santa Claus afroamericano con barba bianca e giubba rossa. Dopo 24 anni la tradizione nello Stato ad alta tensione razziale si rompe e pare sia una chiara dimostrazione di voler fare un passo avanti contro il razzismo. Il primo afroamericano a indossare barba bianca e giubba rossa è Larry Jefferson e arriva da Dallas: l’uomo è un veterano dell’esercito in pensione e siederà sulla sua slitta in uno dei più grandi centri commerciali degli States, che comprende oltre 500 negozi, a Bloomington, un sobborgo dell’area metropolitana di Minneapolis.

Il Minnesota non è un paese facile dove poter vivere e tutti sanno la situazione in cui versa il paese e gli scontri razziali avvenuti fino a quest’estate quando la polizia di Saint Paul finì nella bufera per aver ucciso a sangue freddo un uomo di colore in auto, mentre la fidanzata filmava tutto seduta al volante. Tutti ricordano anche la manifestazione davanti alla casa del governatore e le proteste per le strade.

Stando alle dichiarazioni fatte a Star Tribune da Landon Luther, uno degli organizzatori del weekend prenatalizio, la volontà è quella di avere un Santa Claus per tutti. Luther ammette che la scelta non è stata facile, ma Larry Jefferson sembra sia davvero una persona encomiabile e si considera il Santa Claus per tutti. Dal 1999 Larry ha infatti vestito i panni di Santa Claus per portare doni ai nipoti e ha anche una caratteristica che lo rendere molto credibile: da quando è andato in pensione e ha lasciato quindi l’Us Army, ha cominciato a farsi crescere una lunga barba bianca che lo rende molto somigliante a Santa Claus. L’uomo pensa di essere la persona giusta per rappresentare questa tradizione e lancia un messaggio ricco di significato in cui dice che ai bambini non importa di che colore è Santa Claus, ma vedono solo l’abito rosso e le caramelle, e lui vuole essere una speranza per un mondo migliore.