Duro commento di Don Vigorelli: “O siete di Salvini o siete cristiani”

0
855
Don Vigorelli

Non si placano le reazioni in merito all’accoglienza dei migranti e un commento da parte di Don Vigorelli, detto durante la messa di domenica scorsa, ha suscitato non poche polemiche. Le parole sono state nitide e precise: “O siete di Salvini o siete cristiani“. Il prete le ha pronunciate durante la messa di domenica scorsa: è stato il parroco della chiesa di Santo Stefano a Mariano Comense a lanciare queste parole, mentre stava commentando un passo del Vangelo di Matteo, proprio in riferimento all’accoglienza allo straniero.

Alessandro Turati, ex sindaco e attuale segretario locale del Carroccio non ha gradito le parole di don Vigorelli e quindi ha mandato uno scritto alla Comunità Pastorale San Francesco. Nel suo messaggio Turati ha ribadito che le parole di Vigorelli sono “sbagliate e fuori luogo, soprattutto tenendo presente a chi venivano in prima battuta indirizzate: bambini delle scuole elementari che stanno seguendo un percorso di preparazione alla Prima Comunione“.

A confermare che Turati ha pienamente ragione su questo episodio è anche Nicola Molteni, vicepresidente del gruppo parlamentare leghista a Montecitorio. Per rafforzare le parole di Turati, il leghista afferma che non è più possibile sopportare i continui tentativi di scomunica da chi usa il pulpito per fare propaganda politica filo immigrazionista. Inoltre, il parlamentare invita anche a fermare Vigorelli che secondo lui ha anche sbagliato a proporre la questione di fronte a decine di bambini. Anche Matteo Salvini ha commentato le parole del parroco e anche lui inveisce contro il prete dicendo che è una persona arrogante che si permette di dare lezioni di cristianità insultando milioni di italiani! In più, Salvini ha comunque affermato che questo episodio non può passare inosservato e che stavolta bisogna prendere provvedimenti.  Forse un ministro di Dio non può più dire la sua? Staremo a vedere gli sviluppi di questa situazione e le conseguenze per don Vigorelli che ha solo voluto usare parole cristiane per evitare trattamenti razzisti.