5 film sul razzismo che (forse) non hai visto

0
700
Sicuramente il cinema ha avuto un ruolo importante nella propaganda dei vari paesi ma, è vero che ha avuto un ruolo almeno altrettanto importante per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del razzismo. Proprio in questo articolo ho voluto elencare 5 film che probabilmente non hai visto perché meno conosciuti dei più famosi.

Il buio oltre la siepe

Film del 1962 che è riuscito a vincere 3 oscar ha messo al centro della trama il razzismo degli anni ’30 negli Stati Uniti. “To Kill a Mockingbird” è il titolo originale dove compare anche il premio oscar Gregory Peck, vinto proprio in questo film grazie all’interpretazione di un avvocato che assume la difesa di un giovane di colore (Tom Robinson) accusato di aver violentato la figlia di un contadino.

Tutto il film ruota attorno al processo durante il quale la difesa riesce a dimostrare l’infondatezza dell’accusa ma, a causa dell’ambiente e delle forti credenze della giuria, il giovane Tom viene ugualmente condannato. Ambientato nell’Alabama del 1932 porta all’attenzione dell’opinione pubblica un fenomeno molto diffuso nell’America di quel periodo.

Hairspray – Grasso è bello

Un altro filma ambientato negli Stati Uniti del 1962, per la precisione a Baltimora. Hairspray è un film prodotto nel 2002 che racconta principalmente la segregazione che i neri subivano in quel periodo, ma anche il pregiudizio verso le persone in sovrappeso come Tracy Turnblad (protagonista) che farà di tutto per combattere questi fenomeni di ingiustizia.

La generazione rubata (2002)

Questa volta una pellicola ambientata nell’Australia del 1931, che racconta la storia dei bambini con genitori misti (perlopiù inglesi e aborigeni) sottratti alle loro famiglie di origine. Basato su una storia vera racconta le vicende di 3 bambine che affrontano un viaggio di 9 settimane lungo 1.500 miglia per tornare alle loro famiglie di origine.

12 anni schiavo

Si tratta di un film piuttosto recente visto che è stato diretto da Steve McQueen e prodotto nel 2013. La trama racconta le vicende di un talentuoso violinista dell’America dell’800 che, dopo essere stato raggirato, viene costretto alla schiavitù per 12 lunghi anni durante i quali combatte per sopravvivere e per conservare la sua dignità.

Glory Road

Che lo sport ha sempre avuto un ruolo importante nella lotta contro il razzismo non è un segreto, infatti questo binomio è sbarcato anche al cinema con Glory Road dove il protagonista è un allenatore di basket di secondo piano.

Quando viene chiamato ad allenare una squadra di college si trova davanti condizioni disastrose sia dal punto di vista sportivo che economico. A questo punto l’allenatore decide di investire i propri soldi e parte alla ricerca di nuovi talenti, fino a che non forma una squadra mista di 7 afroamericani insieme a 5 bianchi. I risultati ottenuti dalla squadra sono sorprendenti, al punto tale che approdano in finale dove Don (questo il nome dell’allenatore) schiera un quintetto base formato da 5 afroamericani.

Questi sono 5 film che hanno fatto del razzismo, soprattutto degli anni ’60, l’argomento centrale della loro trama ma il cinema è costellato da pellicole di questo genere, qual è quello che ti ha colpito maggiormente? Mi aspetto di leggere una tua risposta fra i commenti.